SAGRA MUSICALE UMBRA

La storia, gli eventi e i luoghi del festival più antico dell’Umbria, con voi dal 1937

Divertimento per Orchestra d’archi di Béla Bartók, compositore scosso dagli orrori del nazismo

Agosto 1939: siamo a poche settimane dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, quando Béla Bartók stava scrivendo di getto – in sedici giorni – il suo Divertimento...
CONTINUA A LEGGERE

La leggendaria Mitsuko Uchida, uno degli ospiti più amati dal pubblico degli Amici della Musica

La leggendaria pianista Mitsuko Uchida ha un approccio alla musica fatto di un profondo senso di comprensione che deriva dalla sua personale ricerca di verità e...
CONTINUA A LEGGERE

La Sonata n.65, l’ultimo lavoro pubblicato in vita da Fryderyk Chopin

È stato uno strumentista francese, Auguste Franchomme, a stimolare Fryderyk Chopin a scrivere la sua Sonata in sol minore op. 65, l’ultima pagina a essere pubblicata...
CONTINUA A LEGGERE

Il «Barbiere» musicale di Gioachino Rossini

È da duecento anni che Il barbiere di Siviglia è generalmente salutata come l’opera di Rossini più amata dal grande pubblico. All’età di ventitré anni, nel 1815, il...
CONTINUA A LEGGERE

Čajkovskij e i suoi sottovalutati lavori cameristici

L’enorme popolarità delle pagine orchestrali di Čajkovskij – le Sinfonie, i Concerti, le Fantasie e i balletti – ha avuto l’effetto di relegare i suoi lavori...
CONTINUA A LEGGERE

Schubert e il girovagare del Wanderer, l’«estraneo»

Il 1822 è stato l’anno di due celebri lavori di Franz Schubert, la Sinfonia «Incompiuta» e la Fantasia «Wanderer», nel programma di Herbert Schuch agli Amici della...
CONTINUA A LEGGERE

Robert Schumann tra gioia e dolore: le «Danze» della Lega di Davide

«Antico detto: Qualunque sia l’età, / la gioia ed il dolore sono mescolate: /rimani fedele alla gioia / e sii pronto al dolore con coraggio». È l’epigrafe apposta da...
CONTINUA A LEGGERE

Beethoven e un Quartetto del tutto nuovo

Alla prima audizione del Quartetto op. 130, il 21 marzo 1826, quasi tutti i presenti rimasero sbigottiti. Le prime due composizioni per il principe Galitzin (l’op. 127...
CONTINUA A LEGGERE

L’impatto con la Città Eterna di Ottorino Respighi

Il trittico dei poemi sinfonici «romani» – Fontane di Roma (1916), Pini di Roma (1924) e Feste romane (1928) – sono indubbiamente le partiture più conosciute di...
CONTINUA A LEGGERE

«Gaspard de la Nuit», un lavoro fiabesco al limite dell’eseguibile

Il Gaspard de la Nuit di Maurice Ravel è un lavoro del 1908, ispirato all’omonima raccolta di poesie in prosa di Aloysius Bertrand, segnalata al musicista dall’amico...
CONTINUA A LEGGERE
Share This