+39 075 572 22 71 info@perugiamusicaclassica.com
Sagra Musicale Umbra

Sagra Musicale Umbra

________74a edizione________

 

7-22 settembre 2019

•PRESENTAZIONE DEL DIRETTORE ARTISTICO ENRICO BRONZI•

Quella che presentiamo nel 2019 è una Sagra Musicale Umbra con una formula innovativa, fortemente tematizzata e aperta ad esperienze che vanno dalla musica alla danza, dalle arti multimediali fino all’etnomusicologia. Il tema guida dell’intera edizione è quello del rapporto ancestrale, per l’appunto profondo e antico, dell’umanità con la musica. L’esigenza antropologica fondamentale di produrre suoni e usarli per scopi comunicativi, sociali e funzionali è una realtà incontrovertibile. Si è sempre cantato o suonato per esprimere l’amore, per superare il lutto, per celebrare le feste, per rivolgersi alla divinità e alludere all’ineffabile, per scandire il ritmo di lavoro, per affermare l’identità di una comunità, per liberare l’espressività del corpo e persino per superare il confine della coscienza.

La musica è vista qui come la compagna dell’uomo ancora prima delle origini delle civiltà. Testimoni di questo sono gli innumerevoli reperti archeologici che hanno a che fare con la pratica musicale: flauti in osso, ocarine, sonagli di conchiglie, fischietti.

Questo rapporto ancestrale non si esprime solo attraverso il filtro suggestivo dei grandi pionieri dell’etnomusicologia (spesso ammantati dell’aura fascinosa dei grandi archeologi) e dei loro successori, ma anche attraverso il fervido apporto di grandi musicisti che hanno riallacciato il filo con la musica identitaria dei popoli attraverso un dialogo creativo e ri-creativo: in primis Béla Bartók, e Zoltán Kodály, ma anche György Ligeti, Frank Martin e molti altri ancora. È interessante distinguere chi ha scelto questo campo d’azione con uno spirito scientifico-storico e chi invece ne ha fatto un uso più disinvolto, utilizzando il gesto musicale del folklore come una fonte d’ispirazione libera, spesso servendosi del registro arcaico o popolaresco come nutrimento per la propria immaginazione.

Il rapporto col canto originario sarà declinato in molti modi e attraverso molte sfumature, dai modi del canto magiaro al collage sinfonico-etnico dell’Oriente di Tan Dun (con il concerto multimediale “The Map”), dal popolaresco “à la mode” reinventato da Haydn e Brahms, al canto georgiano polifonico che per primo ricevette la tutela dell’Unesco come “patrimonio immateriale dell’umanità” nel 2001.

Molti gli spunti di questa edizione: le danze rumene e ungheresi di Bartók, sotto forma di dialogo tra l’Orchestra da Camera di Perugia e Muzsikás, il maggiore ensemble magiaro di oggi.

In questa sede tratteremo di quel suggestivo equivoco tra magiaro e «ungherese», aggettivo impropriamente legato a tutto il materiale sonoro che veniva dal Danubio, e che ha rappresentato una fonte inesauribile di ispirazione per autori come Haydn, Brahms, Liszt.

Come guide sicure in questi affascinanti temi avremo Nicola Scaldaferri e Renato Morelli, grandi studiosi e appassionati divulgatori nell’ambito delle musiche di tradizione orale.

Avremo poi una ricca rassegna di giovani musicisti di grande talento, in collaborazione con Musica con le ali, Le Dimore del Quartetto, il Conservatorio «Morlacchi».

Il nostro ringraziamento va anche alla Galleria Nazionale dell’Umbria, che ospiterà nello splendore della sua sala principale quattro dei nostri concerti, mettendo in proficuo dialogo arte e musica.

Con la produzione del video-mapping di Karmachina «Viaggio in Italia. Ethnomusic Video Mapping» la Sagra Musicale Umbra compie per la prima volta un passo importante nell’ambito dei linguaggi multimediali. Il video-mapping è un’installazione audiovisiva sulle superfici di un edificio, effettuata con speciali tecniche di mappatura dei profili architettonici. Lo straordinario valore artistico e storico degli edifici monumentali perugini si presta particolarmente a questo tipo di installazione artistica, che non usa i prospetti degli edifici come un mero supporto per le proiezioni, bensì come parte integrante della creazione artistica originale. La facciata prescelta, nel caso specifico la parete del Duomo rivolta sul Corso Vannucci, vivrà di una sua vita propria, trasformandosi in una superficie cangiante in cui il racconto delle tematiche affrontate si mescola con la sottolineatura dei dettagli architettonici della Cattedrale che costituiscono una traccia chiarissima della storia stessa della città.

L’opera multimediale verrà presentata in occasione del concerto inaugurale di Basiani, il più emozionante complesso polifonico tradizionale georgiano di oggi, per poi venire riproposto più volte ogni sera per un’intera settimana.

Il video-mapping è una forma d’arte contemporanea, ma è anche uno straordinario strumento di comunicazione, che mette in dialogo musica, fotografia, cinema ed elaborazione digitale, pur non esaurendosi in nessuno di questi ambiti specifici, anzi costituendosi come genere a sé, tra i più suggestivi e potenti della contemporaneità. Con il cinema ha in comune la tecnica del montaggio, ma nel video-mapping le associazioni sono in un certo senso più libere e cariche di significati soggettivi e associazioni mentali.

Il video-mapping costituirà un po’ l’evento-simbolo della Sagra 2019, se non altro per il suo potere evocativo e di dialogo con la città di Perugia.

A settant’anni esatti dalla prima italiana presso il Maggio Musicale Fiorentino, la Sagra Musicale Umbra porta in scena il balletto Nobilissima Visione di Paul Hindemith, scritto nel 1938.

Nella primavera del 1937, mentre si trovava a Firenze, Hindemith fu molto colpito dagli affreschi di Giotto nella Cappella Bardi in Santa Croce, e in particolare da quelli che raffiguravano alcuni episodi della vita di Francesco d’Assisi dopo la sua conversione. L’incontro con il coreografo e danzatore Léonide Massine induce il compositore alla composizione non di un’opera, bensì di un balletto in cui trovano eco una vocazione spirituale già insita nella sensibilità di Hindemith e un ripensamento dei valori pittorici-gestuali di Giotto.

La prima rappresentazione della “leggenda danzata” in sei quadri Nobilissima Visione ebbe luogo al Covent Garden di Londra il 21 luglio 1938, sotto la direzione dell’autore e con la coreografia di Massine realizzata dal “Ballet Russe de Monte-Carlo”, di cui egli era direttore artistico. Ma già durante la composizione Hindemith aveva pensato di ricavarne una suite orchestrale che riprendesse alcuni momenti del balletto. La partitura della suite rielabora come primo movimento articolato in Introduzione e Rondò i numeri 8 (meditazione del Santo) e 10 (nozze di Francesco con madonna Povertà); la parte centrale collega i numeri 4 e 5, rispettivamente il saccheggio della città da parte dei mercenari (Marcia) e l’apparizione delle tre donne, allegorie della Castità, della Povertà e dell’Obbedienza (Pastorale). Conclude il tutto, come nel balletto, la Passacaglia che celebra il Trionfo del Santo, con le lodi del Cantico delle creature, contrassegnato dall’iscrizione «Incipiunt laudes creaturarum».

Su questa Suite si basa la produzione originale della Sagra, con la coreografia della Compagnia di Nicola Galli, una delle realtà più promettenti della danza contemporanea, insieme all’Orchestra da camera di Perugia.

L’idea di riportare alla luce una partitura di grande valore, quasi assente dal repertorio nazionale, si sposa con la suggestione potentissima di restituirla sul sagrato della Basilica superiore d’Assisi, dove la spiritualità francescana pervade ogni singola pietra.

Non mancheranno i protagonisti di grande levatura, come Philippe Herreweghe, Giovanni Sollima, l’Orchestre des Champs-Elysées, il Collegium Vocale Gent, l’Orchestra della Toscana, Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura, Nicola Galli, Basiani Ensemble, Múzsikas.

Tanti i gruppi da camera e i giovani solisti: Trio di Parma, Simonide Braconi, Quartetto Werther, Quartetto Berlin-Tokyo, Quartetto Noûs, Giuseppe Gibboni e tanti altri, oltre a una nutrita rassegna corale con quattro concerti nella Chiesa di S. Ercolano di Perugia (Coro dell’Università degli Studi di Perugia, il Coro ArmoniosoIncanto, il Coro Santo Spirito Volumnia, l’Accademia degli Unisoni) e un concerto nell’Aula Magna dell’Università degli Stranieri di Perugia con il Coro ebraico HA-KOL, che sarà preceduto da una conferenza di Anna Foa.

Enrico Bronzi


Fondazione Perugia Musica Classica Onlus
Piazza del Circo, 6 06121 Perugia
C.FISC. 80053780542
P.IVA 02673290546


Amministrazione trasparente
PRIVACY POLICY


info@perugiamusicaclassica.com
direzartistica@perugiamusicaclassica.com
perugiamusicaclassica@pec.it


tel. +39 075 572 22 71
fax +39 075 572 52 64
last minute +39 338 866 88 20

Fondazione Perugia Musica Classica 2019