TWO ISLANDS: PAOLO FRESU, GIOVANNI SOLLIMA E L’ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA

da | Apr 18, 2018

IL CONCERTO

Two Islands, Sardegna e Sicilia, le due isole del Mare Nostrum che legano due degli strumentisti più dinamici di oggi, che rifiutano entrambi quelle distinzioni pretestuose tra “jazz” e “classico”: il trombettista logudorese Paolo Fresu e il violoncellista palermitano Giovanni Sollima. Vi è grande attesa per il primo incontro pubblico – finora inedito – tra i due, incontro sollecitato dall’Orchestra da Camera di Perugia, che si è esibita con ambedue negli ultimi diciotto mesi. Il concerto di domenica 22 aprile rinnova una collaborazione tra Umbria Jazz e gli Amici della Musica, che è stata esplorata negli anni ’90 con appuntamenti memorabili.

Sardegna e Sicilia, due crocevia, porti di approdo da millenni, terre alle quali sono radicati i nostri musicisti in modo viscerale. Miti, leggende, ritualità e tradizioni che si intrecciano in modo inestricabile con gli elementi e con la natura: “l’acqua che scorre” per Fresu; l’albero dal quale nasce la voce dello strumento per Sollima.

Il programma, in fase di definizione fino all’ultimo, verrà scelto da pagine elaborate da entrambi singolarmente.

Non sappiamo ancora come si articolerà la serata, se ci sarà un confronto diretto, un dialogo movimentato tra i due strumentisti. Una cosa è certa, ascolteremo musiche – senza barriere – come poesie orali, improvvisazioni spontanee, inflessioni che sono diversi ogni volta, che non si ripetono mai.

 

I MUSICISTI

Solo un talento come Paolo Fresu poteva mettere insieme elementi tra loro diversi e condurre una tale crescita stilistica: la banda del paese e i maggiori premi internazionali, la campagna sarda e i dischi, la scoperta del jazz e le mille collaborazioni, l’amore per le piccole cose e Parigi. Un artista che, come pochi altri, è riuscito a trasportare il più profondo significato della sua magica terra nella più preziosa e libera delle arti. Dentro il suono della sua tromba c’è la linfa che ha dato lustro alla nouvelle vague del jazz europeo, la profondità di un pensiero non solo musicale, la generosità che lo vuole “naturalmente” nel posto giusto al momento giusto ma, soprattutto, l’enorme e inesauribile passione che lo sorregge da sempre.

Giovanni Sollima è un vero virtuoso del violoncello. Suonare per lui non è un fine, ma un mezzo per comunicare con il mondo. È un compositore fuori dal comune, che grazie all’empatia che instaura con lo strumento e con le sue emozioni e sensazioni, comunica attraverso una musica unica nel suo genere. Il suo è un pubblico variegato e trasversale: dagli estimatori di musica colta ai giovani “metallari” e agli appassionati di rock, Giovanni Sollima conquista tutti. In veste di solista, o con diversi gruppi strumentali, esegue le sue composizioni in tutto il mondo in sedi prestigiose europee, statunitensi, orientali ed australiane, mentre in ambiti alternativi vicini ad un pubblico più giovane e di confine, si è esibito a Radio Deejay nella fascia di maggior ascolto, alla Knitting Factory di New York, vero tempo dell’underground, e alla Notte della Taranta, di cui è stato direttore musicale nel 2013 e 2014.

L’Orchestra da Camera di Perugia nasce dalla pluriennale esperienza di giovani musicisti umbri nella diffusione della cultura musicale, soprattutto in relazione alle produzioni musicali rivolte ai giovani delle scuole. La collaborazione fra strumentisti attivata all’interno del progetto “Musica per Crescere”, della Fondazione Perugia Musica Classica, ha portato alla creazione di un complesso di archi e fiati in grado di estendere l’impegno della diffusione musicale in sede concertistica, L’Orchestra, inoltre, mette al servizio degli enti di produzione musicale umbri e italiani una nuova formazione che può contare su professionalità consolidate dalla collaborazione con alcune delle miglio orchestre nazionali e da una attività solistica di alto profilo. L’Orchestra include i migliori talenti delle ultime generazioni, vincitori di concorsi nazionali e internazionali e di prestigiose borse di studio.

 

Pin It on Pinterest