Venerdì 21 settembre > ore 21:00

Perugia > Cattedrale di San Lorenzo

CORO DELL’ACCADEMIA NAZIONALE DI S. CECILIA
TRINITY BOYS CHOIR
ORCHESTRA GIOVANILE ITALIANA
ORCHESTRA DA CAMERA DI PERUGIA
Elisaveta Martirosyan, soprano
Mark Milhofer, tenore
Dominik Köninger, baritono
JONATHAN WEBB, direttore

28 settembre 1963, prima esecuzione italiana del War Requiem di Benjamin Britten alla Sagra Musicale Umbra: 150 coristi, 97 orchestrali e 30 voci bianche, tutti serrati all’inverosimile negli spazi angusti della Chiesa di San Filippo Neri, o «Chiesa Nuova» (evidentemente per un’«inagibilità» della Basilica di San Pietro, assente come sede per i concerti di quell’anno). E in un primo momento, così troviamo stampato, si era pensato addirittura all’Aula Magna dell’Università degli Studi.
Dalla documentazione d’archivio, apprendiamo che Francesco Siciliani, forte della sua posizione come direttore artistico anche del Teatro alla Scala, negoziò con l’intraprendente Ernest Fleischmann, General Secretary della London Symphony Orchestra, per tre concerti – il primo a Perugia, gli altri due alla Scala – per un onorario complessivo di 24.000.000 di lire, concerti ai quali si aggiunse all’ultima ora un quarto appuntamento al Teatro La Fenice di Venezia. E Perugia può essere soltanto grata a Siciliani, per aver voluto la prima esecuzione nella sua città natale… Alla fine, la Sagra si fece carico della somma di £. 6.000.000 di lire come spese artistiche, con un incasso di £. 274.600 ricavato dai biglietti venduti.
Come pochi altri lavori nella storia della musica, il War Requiem aveva scosso profondamente il mondo musicale internazionale nel 1962, e a Perugia, nell’autunno del 1963, ricevette soltanto la sua seconda esecuzione in un paese europeo che non fosse la Gran Bretagna (dopo una première tedesca nel 1962 – l’11 novembre, ricordando la data dell’Armistizio della «Grande» Guerra – alla Filarmonica di Berlino diretta da Colin Davis).

Pin It on Pinterest